Scusi, ma lei è Babbo Natale? – 17 dicembre 2022

IPTI – Il Piccolo Teatro Instabile presenta:
 
SCUSI, MA LEI E’ BABBO NATALE?
 
Serata di cabaret – DOPPIO SPETTACOLO!
Con: Alessandro Pace, Bruno Righettoni, Cristina Tira, Federica Quaglino, Giovanni Badellino, Manuela Marascio, Massimiliano Scelsi, Tiziana Blasi
Regia Max Scelsi
Musica e luci a cura di Francesco Blasi
Sabato 17 dicembre o
re 18,00 e ore 20.45 Sala Scicluna (via Martorelli 78)

Cosa succederebbe se Babbo Natale appendesse renne e slitta al chiodo e cambiasse completamente mestiere? L’intero, delicatissimo sistema costruito su regali, scambi d’auguri,  ritrovi familiari, luci e festoni rischierebbe di crollare da un momento all’altro, mandando allo sbaraglio ogni nostra certezza sul 25 dicembre. Fortunatamente, in un’epoca dove chiunque prende la parola per dire la sua e i tuttologi fioccano come neve fresca, non mancherebbero di certo degni sostituti a tentare di colmare questo grande vuoto: influencer griffate, dietologi bruciagrassi, poetesse in erba, maniaci delle compere… Una babele di linguaggi differenti, che si intrecciano con canzoni stonate sotto il vischio e slogan di protesta fuori da magazzini ricolmi di elfi scioperanti. Il caos. O forse un nuovo ordine? Il piccolo Teatro inStabile invita il pubblico a scoprirlo, con la stessa curiosità con cui si scarta un coloratissimo pacco regalo sperando non si tratti dell’ennesimo pigiama con le renne.

Un augurio di buon Natale divertente, ironico e, come nella nostra migliore tradizione, a tratti dissacrante. Ma capace di dischiudere tenerezze e risate anche negli animi più restii allo spirito delle feste.

Per prenotare si prega di inviare un WhatsApp al numero 347 4002314.

Catastrofi limitate – 14 ottobre 2022

Il Piccolo Teatro Instabile mette in scena, in prima assoluta nazionale, un testo inedito, vincitore di numerosi premi in tutta Italia. Lo spettacolo, con tinte a tratti drammatiche, ci invita ad una riflessione sull’emergenza climatica che la nostra società attualmente si ritrova a vivere, prendendo lo spunto da un originale punto di vista.

Oscar e Walter sono due scienziati che si ritrovano poco prima dell’inizio dell’ennesimo convegno sul clima “A better climate for future”. Uno dei due è ammanettato. L’obiettivo dichiarato di entrambi è invertire la rotta delle politiche di cambiamento climatico, ma è sul come che i due divergono. Quale approccio avrà la meglio?
 
Con Alessandro Pace e Giovanni Badellino
 
Suoni e luci di Francesco Blasi
 
Regia di Giovanni Badellino
 
 
 

Domenica 26 gennaio 2020 – Ma che razza di Storia! (storie di razze)

Appuntamento con la Storia per ricordare e non dimenticare come sopravviva, ancora oggi, il concetto di “razza”. In memoria di ciò che è passato, ma con lo sguardo al nostro presente, per andare incontro a un domani forse più consapevole e meditato. Perché il futuro lo si possa colorare usando lo stesso pennello, ma mantenendo vivi i propri colori. Si dice spesso: studiamo, leggiamo, informiamoci. Affinché ciò che è stato non accada mai più. Ma in che misura ognuno riesce veramente a rispecchiarsi nell’altro, ad analizzare il reale con lucidità, ad abbattere i famosi “muri” fisici e mentali? Proveremo a darci qualche risposta, ritornando anche un po’ bambini, dove occorre. Mescolando la satira al sentimento, la rabbia alla commozione. E rendendo un doveroso omaggio al Giorno della Memoria, a modo nostro.

Terzo appuntamento di un’irresistibile rassegna per farvi RIDERE, COMMUOVERE e RIFLETTERE.

Con Alessandro Pace, Bruno Righettoni, Cristina Tira, Flavia Brignolo, Giovanni Badellino, Manuela Marascio, Massimiliano Scelsi e Tiziana Blasi.

Domenica 26 gennaio ore 18,00, all’Associazione ARTE a Torino, in corso Francia 169.

Per informazioni e prenotazioni inviare una mail a ipti@ilpiccoloteatroinstabile.it. Si accettano prenotazioni WhatsApp con conferma immediata al numero 392.169.25.59.